Informazioni su Atletica Iriense

Atletica Iriense Voghera c/o Campo Giovani via Barbieri 182 27058 Voghera (PV)

Sedici primati personali per l’Atletica Iriense

29 atleti e atlete hanno gareggiato in 4 campi di gara siglando 16 primati personali. Per l’Atletica Iriense è stato un fine settimana straordinario da ricordare, frutto della preparazione e della costanza negli allenamenti.

Sabato a Saronno, una doppietta di miglior prestazioni nei m 200 ha avuto come protagonisti Alberto Casareale con 22”88, che è riuscito a infrangere la barriera dei 23 secondi, ed Eric Martines 23”32, che si è espresso con più convinzione. Buona anche la prova di Kimberly Zella con un crono di 27”31 e 400 ostacoli per Cecilia Tagliabue chiusi in 1’11”34. Nei m 800 Marco Prado Pavanetto si è migliorato portando il suo personale a 2’03”24, che premia lo junior iriensino sempre in prima fila negli allenamenti.

Vicino al suo PB (ndr personal best) Luca Rescalli, che con 57”79 nei m 400 a ostacoli rimane in linea con i suoi standard.  Anche Cecilia Tagliabue ha preso parte alla gara dei m 400 ad ostacoli e ha chiuso in 1’11”34, discreto tempo in considerazione del rientro alle competizioni dopo un infortunio.

Buone le prestazioni nel salto triplo di triplo Luca Moretti con la misura di m 11,47 e nel lancio del disco di Isaia Lucato, che ottenuto m 26,55. Da segnalare l’ottima prova dell’allieva Arianna Frigatti nei m 200 con il tempo di 26”51.

Domenica, sempre a Saronno, un bottino di 10 personali per i portacolori iriensini. La parte del leone, l’hanno fatta i quattrocentisti, tutti al personale.  Capofila Andrea Censurini che con 50”19 e 795 punti, si è migliorato di oltre sette decimi e ritocca il record sociale. Seguono con ottimi crono Catalin Banienschi in 52”28, Luca Rescalli in 52”34, Isaia Lucato in 52”66, Marco Prado Pavanetto in 52”72, Riccardo Cossu in 52”94, Michael Berto in 53”35 e Riccardo Ferro in 53”38. Gli junior Banienschi, Rescalli, Prado Pavanetto, Berto e Ferro daranno vita all’ossatura della staffetta 4×400, che ha il pass per i Campionati italiani di categoria a Grosseto a metà giugno. Rescalli, inoltre, ha ottenuto il minimo per i 400 a ostacoli.

La serie di PB si completa con i m 100, dove Alberto Casareale si è migliorato portando il suo limite a 11”49, così come Davide Achille, che con 11”85 ha tagliato oltre tre decimi dal suo precedente crono.

Hanno portato punti per il Campionato di Società nella classica gara dei m 1500, Matteo Locatelli  con un tempo finale di 4’18”46 e nel lancio del martello Massimiliano Perego, che con 45,30 passa i settecento punti.

All’Arena di Milano erano in pista, cadetti e il settore femminile.  Due personali anche per Nicolò Di Cunto  con 10”57 e netto miglioramento e per  Giovanni Adragna  con 10”58. I due giovani sprinter ormai si contendono il ruolo di capofila a suon di centesimi. Nel lancio del giavellotto, si è ben difeso Alessio Scafidi, che ha lanciato l’attrezzo di 600 grammi a m 26,84.

Le sprinter hanno corso nei m 100, poi hanno dato vita a una bella 4×100.  Kimberly Zella e Alessia Milanesi  sono rimaste vicine ai loro personali , rispettivamente in  13”19 e in 13”29. A fine giornata nella staffetta, Kimberly  Zella, Agnese Pilla, Alessia Milanesi e Sonia Marongiu hanno portato il testimone al traguardo nel tempo di 51”35. Si è distinta anche Arianna Frigatti che ha partecipato come terza frazionista alla staffetta vigevanese della 4×400, chiusa in 3’51”58.

A Rodengo Saiano, si è registrato il sedicesimo primato personale. La cadetta Anna Pellicciardi ha portato a termine la sua fatica sui m 1000 in 3’40”32.

La 4 x 100 da sinistra: Sonia Marongiu, Alessia Milanesi, Agnese Pilla, Kimberly Zella

A Luca Rescalli il record sociale dei 400 ostacoli

Uno dopo l’altro cadono i primati sociali dell’Atletica Iriense in questa stagione straordinaria. Luca Rescalli scrive il suo nome nell’albo d’oro del sodalizio vogherese con un eccellente 57”51 nei m 400 a ostacoli durante il meeting di interesse nazionale di Alzano Lombardo. Il giro di pista con le barrire da 91 centimetri è una delle discipline dell’atletica leggera più dure e impegnative.  Rescalli ha interpretato la gara con la giusta grinta e il risultato consente allo junior vogherese di accedere ai campionati italiani di categoria di metà giugno a Grosseto e migliora il precedente 58”38 ottenuto da Alberto Suescun nel 2019. Una grande soddisfazione per tutto il clan iriensino e per il tecnico Felice Costante.   

Nella stessa riunione si sono comportati ottimamente anche i velocisti, allenati da Sonia Marongiu.  Nei m 100 femminili Kimberly Zella ha portato il suo limite personale  a 13”06, prima nella sua batteria. Stesso piazzamento con record personale anche per Alberto Casareale, che ha tagliato il traguardo in 11”49. Gara dopo gara, il giovane iriensino fa registrare continui miglioramenti  che premiano il lavoro svolto  insieme al gruppo degli sprinter. Buon esordio per Davide Achille, che ha corso nel tempo di 12”22.

Nei m 400 piani nuova conferma per Marco Prado Pavanetto che ha chiuso il giro di pista col crono di 53”30, buon tempo in vista della staffetta 4×400 che è già qualificata per gli italiani junior di Grosseto e ha la possibilità di migliorare il primato sociale. Nella stessa gara, Michael Berto ha fermato i cronometri su 54”73.  Nel settore femminile giro di pista anche per Marta Montagna che ha siglato un crono finale di 1’18”64.      

il tecnico Felice Costante, Luca Rescalli e Davide Achille

Censurini  batte il record del decathlon di Somenzini, resisteva da 48 anni

Andrea Censurini ci è riuscito! È finalmente suo il primato nel decathlon e ha scalzato il nome di Lorenzo Somenzini dalla tabella dei record  sociali dell’Atletica  Iriense dopo 48 anni, per l’esattezza 47 anni e 10 mesi. Nello scorso fine settimana, durante i campionati regionali piemontesi ad Alessandria, il portacolori dell’Iriense ha ottenuto un totale di  5.333 punti, dopo dieci estenuanti prove. Il decathlon si disputa su due giornate ed è una gara difficile per atleti completi. Ci vuole innanzitutto preparazione per sostenere tre gare di corsa, tre di lanci, tre di salti e una di ostacoli. Ogni tempo e misura viene trasformata in un punteggio che viene sommato per stilare la classifica.  Non deve mancare coraggio, resistenza e agilità per arrivare alla fine di questo cimento.  Censurini  ha iniziato alla grande con una prima giornata di risultati vicini ai suoi limiti personali.  Questo il tabellino della prima parte del decathlon:  m 100 in 11”47 (punti  759),  salto in lungo m 6,40  (675),  getto del peso  m 9,66 (465), salto in alto m 1,62 (480), m 400 50”92 (773) per un totale parziale di 3.152 punti.  La seconda giornata è iniziata con i m 110 a ostacoli corsi in  17”23 (600), primato personale. Quindi il  lancio del disco con  m 28,13 (428), poi non troppo bene nel salto con l’asta con m 1,80  (103) anche a causa di un risentimento muscolare.  A seguire il  lancio del giavellotto  con la misura di m 32,13  (329) e la corsa sui m 1.500 chiusa con un crono di  4’33”57 (721).    Punteggio totale a 5.333 punti  che migliora i 5.272 punti (ricalcolati a 5.133 punti con le più recenti tabelle relative al cronometraggio elettrico), che Somenzini  ottenne nel lontano 1973 – 16 e 17 giugno – a Pavia.       

Altra soddisfazione anche ai campionati regionali di staffette disputati a Cairate (VA) con l’ottima prestazione per la 4 x 400 metri dell’Atletica Iriense.  Con  il quarto posto assoluto e il primo di categoria i quattro  junior si sono riconfermati campioni regionali con il tempo di 3 minuti 29 secondi e 56 centesimi.  Alla prima frazione ha preso parte Riccardo Ferro con un crono di poco superiore ai 53 secondi, che ha poi passato il testimone a Marco Prado Pavanetto (52”), quindi Luca Rescalli (con meno di 52”) e in quarta frazione Catalin Alexandru Banienschi (52”).  Il tempo ottenuto migliora  di oltre 3 secondi quello fatto registrare a Cormano il 10 aprile scorso. Buon viatico per accedere  ai campionati italiani estivi.

 A Milano durante un interessante meeting dedicato alla marcia e al mezzofondo, erano in pista nei m 600 tre iriensini. Miglior tempo per Marco Prado Pavanetto che ha terminato nel tempo 1’24”58 piazzandosi al terzo posto, seguito a poca distanza da Luca Rescalli con un finale di 1’25”55.  In un’altra batteria, Catalin Alexandru Banienschi  si è ben difeso  e ha tagliato il traguardo in 1’30”14.   

Sempre sabato, in un’altra riunione nazionale a Chieri (TO), Eric Martines ha partecipato alla gara dei m 200 con un crono di 23”55. Un tempo che si avvicina al personale, segno che la preparazione comincia a dare i frutti sperati.

Andrea Censurini

Fine settimana ricco di primati per l’Atletica Iriense

Tante soddisfazioni per gli atleti e le atlete dell’Iriense in un fine settimana con due importanti manifestazioni. Sabato all’Arena di Milano si sono messi in luce i velocisti. Alberto Casareale ha ritoccato il suo personale nei m 200 con il tempo di 23”25 e 703 punti della specifica tabella. Nei m 100, buona prova di Eric Martines, che si è avvicinato ai suoi standard con 11”66 (657 punti), quindi personal best per Alessandro Rossi che ha corso in 12”21. La junior Kimberly Zella era in gara nel m 200 e ha tagliato il traguardo in 27”28. Sempre nei m 200, l’allieva Alessia Deriu ha ottuno un buon 31”24.    I cadetti erano impegnati nei m 80. Giovanni Adragna e Nicolò Di Cunto hanno fermato i cronometri rispettivamente su 10”73 (a 1 centesimo dal suo personale) e 10”93. Primato personale anche per lo junior  Michael Berto nei m 400 con un crono di 54”03. Prestazione di tutto rispetto per il senior Isaia Lucato, che ha corso i m 400 in 53”84. Giro di pista per le allieve:si sono messe in evidenza Agnese Pilla con 1’03”41 (640 punti) e Cecilia Tagliabue con 1’04”78.  Ultimo ma non ultimo, personale per il giovane cadetto Alessio Scafidi che ha lanciato il giavellotto a m 28,97.

Bellissime gare, domenica a Pavia per la seconda edizione dei Queenatletica Games. Ancora Eric Martines in evidenza nei m 150 dove ha ottenuto un ottimo crono: 17”01, nuovo primato sociale. Quindi con ottimi tempi, per molti la miglior prestazione, Alberto Casareale in 17”16, Michael Berto in 17”98, Alessandro Rossi 18”00, Eric Henshaw 18”24. Sempre nei m 150 hanno gareggiato Alessia Milanesi con un tempo finale di 20”06 e Alessia Deriu in 22”19.  Dopo la brillante prova a Milano, è tornata in pista Kimberly Zella che ha portato a termine i m 80 in 10”68.  

Era in programma il lancio del martello con Massimiliano Perego in pedana. Al termine dei sei lanci ha ottenuto la miglior misura con m 41,15 e 652 punti. 

Buona anche la prova di Luca Moretti nel salto in lungo con m 5,61, a pochi centimetri dal suo personale con un bottino di 601 punti.

Il meeting si è chiuso con i m 500 maschili e femminili delle varie categorie. Un bel treno per i tre junior  iriensini: Marco Prado Pavanetto ha terminato in 1’09”64, dopo Luca Rescalli che ha chiuso in 1’08”41. Non ha terminato la prova la “lepre” Catalin Banienschi.

In luce anche la sannazzarese Arianna Frigatti con un ottimo tempo: 1’20”89, quindi Lisa Varni con un finale di 1’32”45, poi Marta Montagna in 1’36”53.

Intenso fine settimana per l’Atletica Iriense

Nella seconda gara outdoor della stagione e proprio sulla pista di casa, gli atleti e le atlete dell’Iriense hanno ottenuto eccellenti risultati. Sabato, al campo Giovani in una riunione di interesse nazionale, organizzata dall’Atletica Iriense con il patrocinio dell’Assessorato allo Sport e Tempo Libero del Comune di Voghera, si sono sfidati più di trecento partecipanti.

La gara più avvincente e con un risultato tecnico di rilievo è stata quella dei m 400 femminili. In un testa a testa fino all’ultimo metro, la pavese Breanna Selley ha avuto la meglio sulla vogherese Ludovica Pilla. Entrambe hanno ottenuto il personale  con il tempo rispettivamente di 58”29 e di 58”59. Al terzo posto, personal best anche per l’allieva Arianna Frigatti in 1’00”32. Alle loro spalle si sono ben piazzate Agnese Pilla, quinta con un ottimo crono 1’03”02, quindi Lisa Varni (1’10”13) e Marta Montagna (1’14”12).

Valida anche la gara di lancio del martello. Il senior dell’Iriense Massimiliano Perego ha lanciato l’attrezzo di kg 7,260 a m 43,30.

Come sempre ha dato spettacolo lo sprint con i m 100. I tempi però sono stati penalizzati dal vento contrario, in alcuni momenti, anche di 3 metri al secondo.  Miglior risultato iriensino per Eric Martines, sesto in classifica finale col tempo di 11”67.  Seguono poi Isaia Lucato con un crono di 12”12, Alessandro Rossi miglior allievo con 12”44, gli altri allievi Lorenzo Dorsa 12”45 ed Eric Henshaw 12”48. Chiude la serie Luca Moretti in 12”82.       

Degna di nota la prova di Rinaldo Marangoni, che nella categoria Senior 75 ha tagliato il traguardo in 19”31. Nel settore femminile si è messa in luce la junior  Kimberly Zella, che con un vento contrario di m 2,2 ha chiuso in 13”38.

Anche nei m 400, i sette iriensini in gara hanno ben figurato piazzando quattro atleti nei primi nove classificati. Con 52”45 e il terzo posto si è classificato Catalin Alex Banienschi, quarta piazza per Luca Rescalli in 52”90, ottavo e nono posto per Marco Prado Pavanetto (53”75) e Lorenzo Boccacini (53”97), poi seguono Michael Berto (55”17), Alberto Casareale (55”20) e Riccardo Ferro (55”60).

Nel lancio del giavellotto buona prestazione per Andrea Censurini con la misura di m 34,27 e due esordi nella specialità per Alessia Milanesi con m 21,58 e per il cadetto Alessio Scafidi con m 27,11.  

Il Comitato Regionale FIDAL ha ideato questo “Marzo in pista” per favorire il ritorno alle gare alle categorie giovanili dei Cadetti. Al Campo Giovani si sono messi in luce sia i velocisti, sia i mezzofondisti.  Nei m 80 piani Giovanni Adragna ha fermato i cronometri su 10 secondi e 72 centesimi, seguito da Nicolò Di Cunto in 10”90.

Filippo Villani ha preso il via nei m 300, che ha concluso nel tempo di 43”21, mentre Riccardo Malaspina ha corso i m 1000 in 3’36”90.

Passando ai m 1000 del settore femminile, ottima prestazione di Anna Pellicciardi che ha portato a termine la sua fatica in 3 minuti 41 secondi e 19 centesimi.

La fondista vogherese Giada Manto si è distinta con una bellissima prestazione nella classicissima gara internazionale di corsa campestre: la 89^ edizione della Cinque Mulini a San Vittore Olona. Si è classificata al 13° posto della categoria allieve. Ha corso i due giri dell’impegnativo tracciato in 16’58”, mantenendo un passo regolare di poco superiore ai 4 minuti al chilometro.

Domenica pomeriggio a Vigevano si è svolta la terza prova del “Marzo in pista” imperniata sulle corse. Nei m 200 femminili Kimberly Zella si è avvicinata al suo personale tagliando il traguardo nel tempo di 27”14. Anche Alessia Deriu ha chiuso in 30”50.

Nel settore maschile, Eric Martines ha ottenuto un crono di 23”66, buon tempo per iniziare  una  stagione agonistica con obiettivi più ambiziosi. Anche Isaia Lucato si è ben comportato con un tempo finale di 24”30. 

Nella classica distanza dei m 800, Riccardo Cossu ha portato a termine il doppio giro di pista in 2’03”44. Alle sue spalle si sono classificati Marco Prado Pavanetto in 2’08”48 e Catalin Alex Banienshi in 2’14”28. Da notare che entrambi avevano nelle gambe i m 400 del giorno prima a Voghera conclusi con ottimi tempi. 800 metri anche per Lisa Varni che ha fatto registrare il tempo di 2’55”54.  

Lorenzo Boccacini e Riccardo Ferro
Kimberly Zella

Atletica Iriense in evidenza nella prima gara in pista a Pavia

Alla prima gara in pista della stagione,  gli atleti e le atlete dell’Iriense hanno ottenuto ottimi risultati e molti primati personali frutto dell’impegno durante gli allenamenti e del lavoro dei tecnici Marongiu, Volpini, Censurini, Costante e De Antoni. Era necessario rompere il ghiaccio e a Pavia, in una riunione di interesse nazionale con quasi 400 iscritti, gli organizzatori della FIDAL provinciale, della 100 Torri e del CUS Pavia hanno inserito gare su distanza non olimpiche, definite spurie. Nel settore assoluto, emergono i risultati dei m 150 e dei 600. Nella gara più veloce, Alberto Casareale piazza un 17”04,  che è record personale e miglior tempo nella storia dell’Atletica Iriense. Alle sue spalle si sono classificati  Andrea Censurini con 17”14, poi lo squadrone di velocisti Eric Martines in 17”38, l’allievo Lorenzo Boccaccini (17”66), Luca Rescalli (18”02), Lorenzo Dorsa (Allievo – 18”22), Alessandro Rossi (Allievo – 18”28), Eric Henshaw (Allievo – 18”64) e Michael Berto (18”68). Un particolare elogio anche per Rinaldo Marangoni, che nella categoria Senior 75 ha corso i m 150 in 30”40.

Nei m 150 femminili, buon esordio di Ludovica Pilla, quest’anno in prestito alla Bracco Atletica di Milano, col tempo di 19”32, quindi  Kimberly Zella ha tagliato il traguardo in 19”80 e l’Allieva Alessia Deriu in 22”42. Da segnalare anche la brillante gara della sannazzarese Arianna Frigatti, che si allena a Voghera, nel tempo di 19”14.

I metri 600 sono risultati un’altra gara di rilievo con Riccardo Cossu, che ha siglato un probante 1’27”18, seguito da Marco Prado Pavanetto, con un ottimo finale in 1’27”60. Buone prove anche per Matteo Locatelli (1’28”82), per Catalin Banienschi (1’29”94) e Riccardo Freggiaro (1’43”66). Anche nel settore femminile si sono ben difese Lisa Varni (1’56”24) e l’allieva Marta Montagna (2’04”46).

La manifestazione era dedicata alle categorie giovanili dei Cadetti, dove si sono messi in luce sia i velocisti, sia i mezzofondisti.  Nei m 80 piani Giovani Adragna ha fermato i cronometri su 10 secondi e 84 centesimi, seguito da Nicolò Di Cunto in 10”90.

Filippo Villani si è cimentato nei m 150, che ha concluso nel tempo di 20”54.

Passando ai m 600 del settore femminile, ottima prestazione di Anna Pellicciardi che ha portato a termine la sua fatica sotto i 2 minuti 1’59” 22. Tra i cadetti ha corso in 2‘00”74 Riccardo Malaspina.

Ottima prestazione per la fondista vogherese Giada Manto, che nella gara internazionale del Campaccio a San Giorgio su Legnano si è classificata al 19° posto della categoria allieve. Ha corso i 4 chilometri dell’impegnativo tracciato in 19’16”24, mantenendo un passo di 4 minuti al chilometro, con un leggero cedimento nel terzo per riprendersi con un bel finale.

Sabato prossimo, l’appuntamento per la seconda prova provinciale di interesse nazionale “Marzo in pista” sarà a Voghera. Il Campo Giovani ritorna teatro di una gara importante, organizzata dall’Atletica Iriense con il patrocinio del Comune di Voghera – Assessorato allo Sport e Tempo Libero – con un programma riservato ai cadetti, alle cadette e agli atleti assoluti maschili e femminili delle province di Milano, Pavia, Cremona e Mantova.

I cadetti e le cadette si sfideranno su m 80, m 300, m 1000 e lancio del giavellotto, mentre gli assoluti su m 100, m 400, lancio del giavellotto e del martello.          

Filippo Villani, Nicolò Di Cunto e Giovanni Adragna
In alto da sinistra: Michael Berto, Lorenzo Boccaccini, Andrea Censurini, Luca Rescalli, Eric Henshaw, Anna Pellicciardi, Alessia Deriu. In basso: Sonia Marongiu e Kimberly Zella

Pellicciardi alla campestre di Morbegno

Buon esordio agonistico e grande emozione per la cadetta Anna Pellicciardi (anno 2007), nella Campestre regionale valida per la qualificazione alle finali nazionali del Campionato di Società di cross, a Morbegno (Sondrio), nel bellissimo scenario del Parco della Bosca. Sui due chilometri e mezzo dei prati del parco, l’atleta Iriensina ha dimostrato una buona tenuta alla distanza. Su un lotto di quasi cento concorrenti, ha portato a termine la sua fatica a metà gruppo in 9 minuti e 16 secondi.

Anna Pellicciardi

Il martello di Max Perego oltre i 46 metri

Un brillante Massimiliano Perego si è classificato al sesto posto nel lancio del martello con la misura di m 46,68, durante la seconda prova regionale del Campionato Italiano Invernale di lanci  a Mariano Comense. Il portacolori dell’Atletica Iriense ha dimostrato un’ottima regolarità piazzando l’attrezzo oltre i 46 metri quattro volte sui sei lanci a disposizione . Il martello, che ha un peso di oltre sette chilogrammi, è atterrato a m 46,45 alla prima prova. Dopo un nullo nella successiva, è arrivata la miglior misura dell’atleta iriensino, appunto m 46,68, pari a 738 punti della speciale tabella. Anche nella sequenza dei tre lanci di finale, Perego ha fatto notare la sua regolarità e il buon stato di preparazione. 45,16 metri al quarto lancio, 46,17 al quinto, per terminare con m 46,62 a pochi centimetri dalla sua miglior prova.  Con questa prestazione di inizio stagione, il lanciatore è sulla buona strada per migliorarsi in vista delle prossime gare e avvicinarsi ai 50 metri.             

Massimiliano Perego